Total Pageviews

Translate

Wednesday, 26 February 2014

AMSTERDAM: AMicizia, Arte, Musica e AMore



AMSTERDAM: AMicizia, Arte, Musica e AMore


Un weekend all’insegna dei quattro elementi portanti della mia esistenza. Curiose allitterazioni: forse qualche esperto di Qabbala potrebbe derivarne significati. Forse Sara?
Con l’aiuto del caso, sono riuscita a combinare un fine settimana che si è rivelato perfetto sotto tutti gli aspetti. Da un po’ desideravo tornare ad Amsterdam; il nostro carissimo amico musicista aveva in programma un concerto col suo ottetto di violoncelli in città, e avevo desiderio di rivedere – in un caso – e conoscere – in un altro – tre delle persone che mi sono più vicine sul web e che abitano tutte in Olanda. Il mio Amore mi ha concesso un po’ del suo tempo e di risorse; altri due amici, i più cari, si sono dichiarati felici di accudire al nostro bestiame e alla proprietà in nostra assenza, così venerdì pomeriggio decolliamo da Nizza e atterriamo verso sera nello hub più trafficato dell’Europa continentale: Schiphol.

 




Anche il barometro ci è favorevole: si prevede un weekend di sole. Dall’aeroporto alla Stazione Centrale di Amsterdam sono 15 minuti e 4 euro a testa; volendo si può camminare fino al bed & breakfast e ciò richiederebbe un altro quarto d’ora, ma col nostro trolley ingombrante decidiamo di prendere un taxi.


 
 



Corsa di cinque minuti, e il taxi ci lascia a due passi dal vicolo pedonale dove si trova la pensione, in una antica costruzione alta e stretta, tipica del centro cittadino. La scala d’accesso è praticamente verticale, con scalini corti e altissimi. Delizia d’Olanda. L’alloggio è molto originale, distribuito su circa 20 m², e consistente in due locali abitabili più ingresso, cucina, disimpegno e wc/doccia. Dentro c’è tutto e di più; l’atmosfera è calda e intima, molto cosy, con un tocco di creatività, l’ arredo è essenziale, i colori vivaci, con tanto legno, stampe, piante vere e artificiali, giocattoli e giochi per tutte le età, TV, libri, riviste, una cucina pratica con frigo ben rifornito, microonde, bollitore, caffettiera elettrica e tutto l’occorrente per un’abbondante prima colazione, comprese uova, pomodori, yogurt, succo d’arancia, pane, croissant, biscotti dolci e salati eccetera. Non mancano tre bottigliette di vino e tre di birra. Siamo felici di avere seguito la raccomandazione dell’amica che ci ha indirizzati a questo ambitissimo B&B, che siamo stati fortunati di prenotare per tempo. Faremo la conoscenza diretta di questa amica domani pomeriggio.




Non sono ancora le nove di sera quando usciamo per una passeggiata in centro. Siamo alloggiati proprio nel cuore pulsante della città, sull’angolo con Kalverstraat, la Montenapoleone locale, a un centinaio di metri da Dam Square, la spianata dove si ergono il Palazzo Reale e la gotica Nieuwe Kerk, in passato luogo di incoronazione di Reali.

 


Camminiamo verso N seguendo la Damrak per circa un km, tra ristoranti e alberghi di ogni tipo, musei e negozi di articoli bizzarri e sex shops, coffee shops che vendono marijuana, una folla variopinta e chiassosa contrappuntata dallo sferragliare dei tram, e arriviamo alla Centraal Station, dove eravamo discesi poco prima. Seguendo la folla che si dirige verso est, oltre il mercato dei fiori galleggiante, ci addentriamo in una affollata strada pedonale dove c’è una serie di ristoranti etnici, uno dietro l’altro e un po’ alla volta, senza accorgercene, ci troviamo a De Wallen, quartiere storico a luci rosse, uno dei più antichi al mondo. In realtà non ce ne accorgiamo quasi. Anzi ci perdiamo. E’ difficile alla luce dei lampioni consultare la cartina per capire dove siamo. Una gentile signora – premetto: non una lavoratrice tipica del luogo – si presta volontariamente a indirizzarci sui nostri passi. Più o meno riorientati, decidiamo di entrare in un pub per una birra e qualcosa da mettere sotto i denti. Il locale è simpatico, con molti giovani e arredamento caratteristico; birre alla spina e in bottiglia, tavoli e panche di legno, e anche qui non si fuma. E’ un sollievo notare che finalmente si può respirare nei locali pubblici un po’ dappertutto. Fino a non molti anni fa, entrare in un posto come questo era un incubo fumogeno e mefitico.

 



Sabato mattina. Sveglia pigra e lauta colazione prima di incamminarci verso il luogo d’incontro con la coppia di amici che vive nel Brabante Settentrionale e che non vediamo da più di tre anni. Il luogo è il magnifico Rijksmuseum, nel quartiere dei musei, il più grande e importante dei Paesi Bassi e uno dei più ricchi al mondo. Riaperto l’anno scorso dopo dieci anni di restauri, si specchia splendidamente nel lungo vascone di fronte e si estende per centinaia di metri lungo la riva del canale. E’ una meta estremamente popolare soprattutto il fine settimana, quando si affolla di visitatori felici di spendere 15 euro per ammirare una collezione smisurata come questa.





 

 
Il palazzo è imponente, costruito a fine Ottocento in stile neogotico. Recentemente è stato ristrutturato con l’aggiunta di un enorme atrio centrale luminoso e coperto che comprende anche un ristorante e un negozio molto grandi. Il museo possiede oltre a un milione di opere d’arte, anche se il numero di quelle esposte è di qualche decina di migliaia. Lo spazio espositivo si articola su quattro piani e occorrerebbe ben più di una giornata per percorrerli tutti, anche frettolosamente. Visto che il nostro tempo è limitato, ci concentriamo invece sulla parte più importante, che si trova al secondo piano, cioè il Secolo d’oro olandese, il Seicento.

 



 

Quello che colpisce di più gli italiani amanti dell’arte è la quasi totale assenza di opere di ispirazione religiosa, che formano l’essenza dell’arte italiana rinascimentale e manieristica. L’arte del Nord, specialmente quella olandese, si ispira invece all’ambiente umano, in particolare a quello borghese, ma anche contadino e rustico.



 
Rappresentazioni meticolose e affettuose di interni, ritratti informali, nature morte più realistiche del vero, scene campestri, quadri d’insieme che trasmettono un modo di vivere molto più autentico di quello che appare dalle opere di Caravaggio, Giorgione, Tintoretto, Raffaello, Michelangelo, dove ciò che è rappresentato è pura idealizzazione.
 



 

L’opera più famosa in mostra è La Ronda di notte di Rembrandt, che attira la maggior parte dei visitatori. Si tratta di una tela di vaste dimensioni che fa uso innovativo del chiaroscuro e dà l’idea del dinamismo della folla in movimento, idea che sarà nei secoli successivi ripresa da molti altri artisti tra cui Giuseppe Pellizza da Volpedo nel Quarto stato. In quest'opera Rembrandt inserisce diversi elementi simbolici (colori, stature, personaggi, oggetti) che ne fanno un’opera espressionista ante litteram.

 



Rembrandt è l’artista più rappresentato al Rijksmuseum, di cui mostro qui solo alcuni lavori; oltre alle sue opere se ne possono ammirare di Vermeer, Hals, Avercamp, Borch, Claesz, Codde, Dou, Honthorst, Hooch, Lieven, Ostade, Saenredam, Steen e numerosissimi altri pittori del Rinascimento olandese. Presento qui un assaggio delle opere di tutti i nominati.










Oltre alla pittura sono esposte altre forme d’arte, dalle sculture alle ceramiche antiche di Delft, dai modelli di navi (William Rex) agli inestimabili pezzi d’arredo in marmo intarsiato, dagli squisiti cristalli lavorati ai bagliori accecanti degli oggetti d’oro e argento, dai perfettamente conservati e immensi arazzi Gobelin alle incredibili case di bambola che riproducono rigorosamente gli interni delle case borghesi e patrizie del Secolo d’Oro.
 


 

 
Questa festa per gli occhi, quasi un’indigestione, toglie il fiato e stordisce, dà una sensazione che si prova ogni volta che si entra in un tempio dell’arte. Personalmente l’ho provata al Louvre, al British Museum, alla National Gallery, più che mai nei Musei Vaticani e ora qui (nel mio cuore rimane però sempre al primo posto il Prado).



 
Avendo passeggiato attraverso un secolo di vertiginosa bellezza coi nostri amici del Brabante, felicemente ritrovati, rientriamo camminando lungo le strade e i canali, tra la folla festosa del sabato pomeridiano sotto cieli azzurri e avvolti da inconsueto tepore, costeggiando cerchi di persone che assistono a esibizioni di rapper locali, evitando di essere investiti da migliaia di ciclisti e tram sferraglianti, attraversando il Prinsengraat, uno dei canali semicircolari lungo il quale si trova la fatale abitazione di Anne Frank, oggi potente emblema della difesa inerme dalla follia nazista, ma anche triste memento della collaborazione degli abitanti con il Terzo Reich.





Le strade che percorriamo sono un fiume di folla. Gigi ha un’idea: perché anziché avere tram che si muovono a passo d’uomo non si installano tapis roulants? Lui è sempre ingegnoso.



A metà di Kalverstraat c’è un antico carillon che ogni sessanta minuti suona una melodia prima di battere le ore. Ecco qualcosa che creerà una perpetua associazione con questo viaggio. Al nostro piccolo gruppo si unisce anche la terza amica, che abita nello Zeeland, quella che ancora non conosciamo se non virtualmente. Ci intratteniamo sorseggiando un paio di birre e di caffè, esercitando l’arte dello small talk cosmopolita (siamo tra italiani, olandesi, romeni e americani), in gradevole armonia.




La prima coppia di amici si congeda e ci prepariamo con l’altra persona per il concerto che è stato il movente di questo viaggio. Andiamo in ricognizione e scopriamo che il Begijnhof – dove si tiene l'evento musicale – è letteralmente sotto casa, con ingresso da una porticina in piazza Spui. Il luogo recluso – come suggerisce il nome – è un ex-beghinaggio, fondato nel 1346 da una confraternita di beghine (donne perlopiù vedove che non avevano preso i voti, ma dedicavano la propria vita all’assistenza di malati ed anziani), ed è il più antico tra i piccoli cortili della città, comprendente anche la casa più vecchia della città (1528). Oggi è invece abitato da signore anziane con poche disponibilità economiche e da studenti, attratti dalle favorevoli condizioni dei canoni d’affitto; l’ultima beghina vi visse fino al 1976.



 

Spui è affollata da giovani e studenti, difatti l’università ha qui il suo ingresso, e vi si erge una statua, Het Lieverdje di Carel Kneulman, scolpita nel 1947, rappresentante la gioventù di Amsterdam, sempre burlona ma dal cuore d’oro (incidentalmente, nel 2012 fu sradicata insieme al piedistallo da qualche burlone provo, ma subito ripristinata).


 
 
Il concerto è in commemorazione dei 25 anni dalla fondazione del Cello8ctet Amsterdam, una formazione di otto violoncelli, in cui suona il nostro Karel, già fondatore di un recente e attuale festival di musica da camera, grande amico e collaboratore, nonché appassionato tanguero e bandoneonista.



Per esibirsi in concerto stasera è volato da Praga dove si sta svolgendo una convention di tango e domani mattina presto volerà di nuovo a Praga. Bravo, simpatico e iperattivo. Sono arrivate dall’Aja sua mamma e sua zia per assistere all’esecuzione del programma dedicato allo scomparso Simeon ten Holt (1923-2012).


Ten Holt è stato definito compositore minimalista tra l’altro perché utilizzava materiali perlopiù tonali; i suoi lavori sono suddivisi in diverse sezioni, formate da poche misure ciascuna, ripetute ad libitum secondo il desiderio degli esecutori. Le sue composizioni furono scritte per pianoforte o pianoforti multipli, ma vengono anche adattate per gli ensembles più disparati. La sua opera più famosa, che sarà presentata stasera, è Canto Ostinato, composta nel 1976, considerata uno dei principali pezzi di musica classico-moderna olandese. L’Amsterdam Cello8ctet l’ha incisa lo scorso agosto su un CD che sta avendo grande successo.


La performance di stasera riscuote il successo meritato, con tanto pubblico caloroso, nell’eccellente auditorio della Chiesa Inglese Riformata al centro del Begijnhof. Entusiasti dell’esecuzione, attendiamo Karel per cenare insieme da qualche parte. Una migliore conclusione di giornata non si poteva desiderare.

 
 
Ripartiamo l’indomani, non prima di avere fatto visita a un negozio di oggetti antichi e avere concluso un “affare”: un vaso Bols di ceramica di Delft.




TOT ZIENS, AMSTERDAM!







3 comments:

Catfish Tales said...

I will have to visit the Prado one day, now interested to read that it's your favourite of all the museums you have visited so far. For me it was the Hermitage - so outstanding it was in its vast collection that my girlfriend and I spent five hours there and barely graced a few floors.

I see too that 'Het Huisje' has caught your eye! 17th century Vermeer is one of my favourite Dutch painters.

Treadmills, I agree, are an ingenious thought of your man to perhaps combat our capital city's traffic problems. But Pisces are like that, eh? Always surprising us. :)

And what a beautiful 'deal' you have reached on your ceramic Delft Jenever [gin] 'kruik' [jar].

It was lovely to be a part of your group. Thanks a million for inviting me!

Daniela Verzaro said...

Thank you Sherry for your very nice comment. I am literally pining to visit the Hermitage ever since seeing that most incredible movie 'Russian Ark'.
You'll love the Prado, I'm sure. To me, its atmosphere is almost intimate, if such a word makes sense about a museum. I find it excellently planned, easy to follow, with very few detours; the exhibits are well spaced and properly lit, their numbers aren't overwhelming. Last, but not least, it houses many paintings of one of my favourite artists, Hieronymus Bosch.

sara nathan said...

beh, cara Daniela, se i tuoi compagni di viaggio sono l'arte, l'amicizia, la musica e l'amore penso che non te la passi niente male e sei stata molto saggia nella scelta. Condivido come te la preferenza per il pragmatismo nordico rispetto all'idealismo manierista di casa nostra, bisogna anche dire che col freschino di laggiù è più prudente restarsene al calduccio a casa e dipingere gli intimisti interni piuttosto che gelide chiese. Da conoscere senz'altro il vostro amico Karel soprattutto dopo che l'ho letto tanguero e bandoneonista, mmmmm che passione!!!